Prima mappa energia solare ed eolica nel mondo

Prima mappa energia solare ed eolica nel mondo

Una notizia molto importante e attesa ha acceso l’entusiasmo del settore green. Alcuni ricercatori dell’Università di Southampton hanno mappato le posizioni globali dei principali siti di energia rinnovabile, fornendo una risorsa preziosa per aiutare a valutare il loro potenziale impatto ambientale. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Scientific Data, mostra dove hanno sede i parchi eolici e solari in tutto il mondo, dimostrando sia la loro densità di infrastrutture in diverse regioni, sia il volume di produzione di energia approssimativo. Si tratta del primo dataset globale open source nell’ambito della produzione di energia eolica e solare.

Il processo di transizione energetica

La quota stimata di energia rinnovabile nella produzione globale di elettricità ammontava a circa il 26% nel 2018. I pannelli solari e le turbine eoliche sono stati e sono tutt’oggi i principali motori della transizione verso le energie rinnovabili. Nonostante ciò, fino ad ora, si sapeva poco della diffusione geografica dei parchi eolici e solari. Inoltre, attualmente, esistono pochissimi dati accessibili. Il ricercatore Sebastian Dunnett, responsabile della ricerca dell’Università di Southampton, ha spiegato che la maggior parte degli studi esistenti utilizza l’idoneità del territorio e i dati socioeconomici per stimare la diffusione geografica delle tecnologie ad energia solare ed eolica. Questa nuova ricerca, invece, spera di fornire dati disponibili pubblicamente più solidi, per contribuire ad una pianificazione mirata della transizione.

Infatti, pur apportando molti vantaggi ambientali, l’energia solare ed eolica possono avere un effetto negativo a livello locale sull’ecologia e sulla fauna selvatica. I ricercatori sperano che, mappando accuratamente lo sviluppo dei principali siti di energia rinnovabile, possano fornire una panoramica del loro impatto sugli ecosistemi vulnerabili. Con l’obiettivo finale di aiutare gli enti pianificatori a valutare tali effetti.

Gli autori dello studio hanno utilizzato i dati di OpenStreetMap (OSM), un progetto di mappatura globale collaborativo e open source. Hanno estratto i record di dati raggruppati etichettati come “solare” ed “eolico” e poi li hanno incrociati con set di dati nazionali selezionati. In questo modo è stato possibile ottenere una stima più precisa dei siti. I dati evidenziano l’attuale predominio dell’Europa, del Nord America e dell’Asia orientale nel settore delle energie rinnovabili. Felix Eigenbrod, professore di Geografia e Scienze Ambientali all’Università di Southampton, nonché supervisore dello studio, ha commentato che questa ricerca rappresenta una vera pietra miliare nella comprensione di dove si sta verificando la rivoluzione globale dell’energia green. Si tratta di una risorsa di inestimabile valore per i ricercatori negli anni a venire. La mappa è progettata per poter essere aggiornata in qualsiasi momento.

CONTATTACI ADESSO!

Sei un installatore? Lavora con noi!

Scopri come lavorare per A29 un’azienda che investe sul tuo talento. Compila il form!